Blog

Il compito psicosintetico di Chirone

…Alla luce dei dolorosi accadimenti di questi ultimi giorni, il pensiero corre alle energie che sono, ancora una volta, a disposizione nei Cieli, nella sconfinata esigenza di sanare in profondità l’animo umano prima di poter voltare pagina, e salire la scala dell’evoluzione…

Non può esistere ristoro per l’Anima senza lavorare sul proprio Daimon.. E’ necessario far emergere le proprie risorse interiori, per rendersi Liberi…

Nel vecchio paradigma in cui ci troviamo, ancora largamente in uso, si affronta il disagio con la ricerca disperata del rimedio, la cosiddetta “pasticchetta” che annulli l’effetto del dolore..

infatti, si evita di andare all’origine del malessere psicosomatico, spesso per pigrizia.. per non-conoscenza e per sfiducia nella capacità trasformativa che ogni essere umano possiede.

La carta stilata è per il 7 luglio 2016, e racchiude tesori nascosti.

E’ l’istantanea di un momento “nel tempo lineare”.. Questi stessi effetti sono validi nel Qui ed Ora, ma già a distanza di poche ore alcune di queste configurazioni si saranno dissolte, proponendo ulteriori, nuovi scenari. Dunque, l’importanza di cogliere alcune opportunità adesso..

La profondità dell’elemento Acqua presente nelle energie del Grande Trigono fra Marte, Venere e Chirone richiama tre Archetipi fondamentali, e quanto mai attuali: il sotterraneo e ribollente maschile marziale unito al fertile ed accogliente femminile venusiano, lanciati nell’ebbrezza di una danza creativa, che porti all’integrazione della dualità, i due elementi portanti alla base della Vita.. non più guerra e dis-amore… ma mutua attenzione e cura amorevole.

Un lungo processo cui soprintende Chirone, potente immagine ancestrale ed archetipica del Guaritore che interviene a risanare una ferita profonda, svolgendo quel compito “terapeutico” che attiene ad ogni essere umano che presta il proprio Servizio volontario per una causa collettiva, solo dopo aver compreso e trasformato le proprie ataviche ferite interiori.

© Peter Swami

Il Trigono a Stella (o Grande Trigono – 120° di distanza angolare, solitamente fra due pianeti. Tre in questo caso, a formare un triangolo) è di per sè una configurazione profondamente armonizzante.. poichè si svolge nella triade elementale d’Acqua entra in frequenza vibratoria con il nostro status emozionale.

Secondo il livello di consapevolezza personale raggiunto, ciascun individuo può riconoscere in sè una maggiore o minore sensibilità, una propria ricettività alle emozioni, finanche la corretta predisposizione ad affrontare le tematiche sottolineate dalla coppia archetipica Marte-Venere: l’istinto affettivo, l’appagamento sensuale, fino a contattare le qualità superiori, di bellezza e armonia Intelligente, nella relazione fra maschile e femminile, tanto come dualità integrata a livello interiore, oppure come riflesso della vita esteriore, nelle relazioni che incontriamo, non sempre semplici e fluide..

Chirone interviene in questa configurazione per portare ordine ed armonia.. si colloca in Pisces, nel segno del Salvatore del mondo, e sostiene il corpo emotivo, o astrale, in cui, come in un grande serbatoio, trovano posto tutte le emozioni derivanti da esperienze sul piano collettivo più o meno complesse.

Sullo sfondo, agiscono l’opposizione sulla croce cardinale Cancer-Capricornus fra Sole-Mercurio (che vela l’influenza di Vulcano, pianeta ancora invisibile) e Plutone. E la quadratura sulla croce mobile Sagittarius-Pisces fra Saturno e Nettuno, entrambi retrogradi.

Opposizione (180°) e quadratura (90°) sono configurazioni che tendono a mantenere intrappolate le energie lungo quelle linee di forza. Innescano una tensione costante fra due opposti polari, o una negazione dell’una a scapito dell’altra energia. Data la velocità di movimento della congiunzione soli-mercuriale, quel “nodo” già al momento in cui scrivo è in procinto di sciogliersi. Mentre, a livello di percezione individuale permangono le sensazioni oscillatorie e d’incertezza favorite dalle energie saturno-nettuniane già da qualche mese in atto sul piano collettivo.

 “Le incarnazioni nei diversi segni appartenenti alla Croce Mobile producono continue espansioni di coscienza. Ciò è vero per l’Uomo, per il Sistema Solare, per un Pianeta” sottolinea Roberto Assagioli, padre della Psicosintesi.

E come spesso ricordava, lo studio delle qualità psico-spirituali delle grandi Entità Cosmiche (Raggi e Pianeti) è fondamentale per comprendere la natura dei Segni e le indicazioni per la propria vita e per il proprio sviluppo.

Il doppio focus di Chirone in Pisces è emblematico, giacchè è uno dei vertici del Grande Trigono, ma contemporaneamente affianca Nettuno nella quadratura con Saturno. Nell’Astrologia centrata sull’Anima, la valenza nettuniana è abbandonata per soffermarsi su Giove, in qualità di governatore exoterico di Pisces che veicola il Secondo Raggio, di Amore-Saggezza, trasmettendolo ai due pesci, simboli anch’essi della dualità, ma di “ottava superiore”, fra l’Anima e la forma. Questo aspetto “evolutivo” spesso provoca forte dispersione e perdita di confini nell’individuo non ancora cosciente.

Plutone è il governatore esoterico, ed insieme a Vulcano trasmette energia di Primo Raggio, di Volontà o Potere.. per questo, tendono a produrre un effetto di massa e non influenzano direttamente l’individuo fintanto che come Anima, egli non abbia intrapreso il proprio cammino spirituale. La vibrazione di un pianeta-governatore esoterico è percepibile solamente allora. L’energia distruttrice di Plutone agisce come una penetrante psicoanalisi portando in superficie tutto il materiale grezzo dell’inconscio inferiore, trasformandolo in talento – come in un processo alchemico.

L’uso di una volontà sapiente indirizza e sostiene l’auto-sviluppo disciplinato di quelle qualità psico-spirituali necessarie ad attuare la propria psicosintesi personale, fino ai più alti livelli. La tendenza all’introversione ed alla passività di questo Segno, unitamente al forte psichismo di natura profondamente sensibile, sono aspetti che, se ben integrati, permettono di compiere una sintesi fra le qualità superiori, di Volontà e Saggezza, trasmesse poi sul piano collettivo mediante i pianeti governatori.

Per rendere efficace questa trasformazione, in Psicosintesi è utilizzata la Meditazione Creativa, in particolare fra individui di buona volontà che intendano attivare una coscienza di gruppo che funzioni come singola Entità – anche a distanza, ed intenda cooperare ad un proposito di fratellanza più elevato, per se stessi e per il bene del Pianeta.

Immaginandoci come antenne rice-trasmittenti ad una frequenza superiore, assumere un atteggiamento meditativo non richiede tempi lunghi, anche con pochi minuti si ottiene la concentrazione necessaria, attraverso il respiro sempre più profondo, per recitare il Motto evolutivo di Pisces:

“Io lascio la Casa del Padre, e tornando indietro, Io Salvo”

Visualizzando a nostra volta l’archetipo di Chirone, tale energia “terapeutica” potrà entrare in questo spazio liminale per diffondere la cura amorevole necessaria all’integrazione della coppia archetipica Marte-Venere, maschile e femminile interiori, come principio di Vita…

 

 


© Luca Concas

In FB ASTROSYNTHESIS DI FRANCESCA FURINO·Il compito psicosintetico di Chirone

Un pensiero su “Il compito psicosintetico di Chirone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.